Stelle di Natale

Le Stelle di Natale ricominciano ad entrare nelle nostre case agli inizi di ogni mese di Dicembre.

Non solo rosse come da tradizione ma anche bianche, rosa, screziate, con forme e dimensioni adattabili ad ogni angolo della vostra casa. Ma attenzione il fiore, di colore giallo, è la parte centrale alle foglie colorate che si chiamano brattee. 
Soffre il freddo ed è importante tenerla lontana da correnti d'aria ma anche dal sole diretto. Vuole comunque luce e la temperatura ideale è intorno ai 20°, quindi perfetta per abitazioni e uffici. La terra del vaso deve essere sempre umida ma non dovete lasciare acqua nel sottovaso. Non usate acqua fredda, vi consigliamo di riempire di acqua l'annaffiatoio lasciandola riposare per le prossime annaffiature. 
Se volete recidere le foglie colorate, per utilizzarle nei vostri addobbi natalizi, dovrete bloccare la fuoriuscita del latte passando la parte recisa su una fiamma. 
Una volta terminata la fioritura, la pianta fisiologicamente perderà parte delle foglie. Nel periodo primaverile si dovrà portare in giardino ed effettuare una potatura abbastanza vigorosa. Durante l'anno, se la pianta crescerà troppo, si potranno effettuare altri tagli più leggeri, ma non dopo il mese d'agosto, dato che la pianta dovrà prepararsi per l'induzione a fiore. 
La stella di natale è una pianta fotoperiodica, cioè con induzione a fiore solamente quando si accorciano le giornate. Per questo motivo è molto importante, per chi avesse in casa una stella di natale dell'anno precedente, non tenerla in luoghi dove possa ricevere luce artificiale. 
Verso ottobre-novembre deve essere riportata in casa, in un ambiente poco luminoso (8 ore max di luce al giorno) proprio al fine di facilitare la crescita di nuove foglie e di nuovi rami. Altro piccolo accorgimento per far rifiorire la stella di natale è la concimazione a base di potassio e fosforo, soprattutto nel periodo autunno invernale.