Come curare le vostre Orchidee Phalaenopsis

Come curare le vostre Orchidee Phalaenopsis

Le orchidee Phalaenopsis sono molto amate in Italia e all’estero, sono circa 50 specie e sono originarie dell’Asia e degli arcipelaghi dell’Oceano Pacifico e Indiano. 

Phalaenopsis deriva da due parole greche phalaen (farfalla) e opsis (simile a), ed infatti l’orchidea Phalaenopsis assomiglia ad una farfalla e per questo è detta “orchidea farfalla”.

Orchidea Phalaenopsis Rimini consegna fiori rimini

Come tutte le specie di orchidee, le orchidee Phalaenopsis sono coltivate in serra calda, crescono bene alle temperature alte e con un alto tasso di umidità. Ama temperature entro i 28 °C e l’umidità anche oltre il 65 – 70%. Ma più alta sarà la temperatura e più alta dovrà essere l’umidità.

Le orchidee Phalaenopsis, ma in generale tutte le orchidee, non amano l’esposizione in pieno sole. Se la posizionate vicino ad una finestra sceglietene una ombreggiata, magari con una tendina in modo tale da schermare i raggi solari.

Orchidea Phalaenopsis Rimini consegna fiori rimini

Il colore delle foglie vi aiuterà a capire se l’orchidea riceve la giusta quantità di luce:
Una foglia di colore verde chiaro o con bruciature ovali indicano che sta ricevendo troppa luce e pertanto occorre aumentare l’ombreggiatura.
Se le foglie diventano troppo scure e appaiono deboli o afflosciate vuol dire che la pianta vuole più luce.

L’orchidea Phalaenopsis richiede anche queste cure:

  • Innaffiatura meglio se si usa l’acqua demineralizzata
  • per capire quando innaffiare l’orchidea, osservate le radici: quando queste si asciugano cambiano lentamente colore passando dal verde al grigio
  • l’orchidea va innaffiata al mattino
  • il concime va somministrato una volta al mese senza eccedere

Curiosità:
Al termine della fioritura si possono tagliare gli steli floreali al di sotto dell’ultimo nodo che precede il primo fiore e allora la pianta potrà emettere ramificazioni dal vecchio stelo e produrre numerosi fiori ma più piccoli oppure eliminare completamente lo stelo e in questo caso la pianta ricreerà lo stelo che più lentamente produrrà nuovi fiori ma con fioritura più bella e duratura.

Articolo precedente I Ciclamini colorano i nostri inverni.
Prossimo articolo Come far durare più a lungo i fiori recisi.